giovedì 15 febbraio 2018

Rujada Atzori: Attraction - Io sono tua



Titolo: Attraction - io sono tua
Autore: Rujada Atzori
Editore: Butterfly Edizioni
Collana: Digital Emotions
Genere: Contemporary romance
Prezzo: 2,99 € ebook / 14 € cartaceo
Disponibile su Amazon e Kindle Unlimited
Data di uscita: 14 febbraio 2018
Cartaceo disponibile dal 10 marzo
ATTENZIONE: l'ebook sarà in offerta a 0,99 € fino al 24 febbraio


TRAMA: 

Isabell Wilson ha un compagno che ama, una migliore amica che adora, una famiglia che stravede per lei e il lavoro per cui ha studiato tanto. Ha sempre vissuto in una sorta di bolla: una vita ordinaria scandita di attimi in cui sa esattamente cosa fare. Quando i suoi piani vengono stravolti da un trasferimento improvviso a Louisville, dove andrà a fare la guardia nel carcere penitenziario, tutte le sue paure torneranno a galla. Fragile, insicura ed emotiva si troverà in un ambiente diverso da ciò a cui è abituata. Non avrà certezze, lontano dai suoi cari e a stretto contatto con detenuti di ogni tipo. Uno di loro è diverso: due occhi grigio azzurri penetranti, un sorriso da togliere il fiato, la risposta sempre pronta, spudorato, arrogante e dannatamente sexy. Ma dietro il suo aspetto da bravo ragazzo, si nasconde un passato oscuro pieno di segreti e contraddizioni. Perché Carter non è lì a caso e non è merito di Isabell se è stato arrestato. Quando i loro occhi si incrociano, sanno che l'attrazione che sentono porterà solo guai ma non riescono a fermarsi, perché il desiderio di appartenersi è più forte delle regole imposte, delle buone maniere e di ogni pensiero razionale. 
Cedere alla tentazione è lo sbaglio più grande che una guardia possa fare con un detenuto e lei fa di tutto per mettere quanta più distanza tra di loro ma non riesce a evitare l'eccitante e prepotente passione che si scatena tra le mura silenziose del carcere...

martedì 13 febbraio 2018

Patrisha Mar: La poesia dell'anima


Autore: Patrisha Mar
Titolo: La poesia dell’anima
Editore: Newton Compton Editori
Genere: Romanzo contemporaneo
Data di pubblicazione: 10 febbraio 2018
Pagine: 234

SINOSSI
Dall'autrice del bestseller La mia eccezione sei tu
Giulio Dante è un giovane meccanico che vive ad Ancona, ha una passione segreta per la poesia e fa da padre al fratello Tommaso, che ha la sindrome di Down. Nella sua vita non c’è posto per l’amore, ma solo per avventure mordi e fuggi. Solo che Giulio non ha fatto i conti con il destino: sarà proprio una delle sue “avventure”, infatti, la prorompente Dafne, a presentargli Anna Prete, futura impiegata dell’officina. Chissà se il loro rapporto resterà puramente professionale…
Una storia d’amore delicata e romantica, in cui i protagonisti sono alla ricerca di se stessi e del proprio posto nel mondo. Sentimenti, voglia di riscatto, rimpianti, equivoci, paura, amicizia e amore: gli ingredienti perfetti per un romanzo che punta dritto al cuore.

Avete presente l’emozione pura? È tutta concentrata qui dentro, tra dolcezza, paura d’amare, voglia di libertà e responsabilità.
Giulio ha trentuno anni, lavora nella sua officina e lotta contro se stesso. In lui esistono due temperamenti: uno ribelle in cerca di qualcosa di appagante e irraggiungibile, l’altro razionale, concreto, votato al sacrificio. In lui, coesistono due nature perennemente in conflitto. Il bed boy di un tempo scalcia come  un forsennato, ha bisogno di comportarsi male. La realtà, invece, lo porta a considerare il suo ruolo di fratello/padre e a tutte le responsabilità di cui è oberato. Ha un disperato bisogno di libertà, ma Tommaso lo aiuta a tenere la testa sulle spalle.
Tommaso è il fratello ventiduenne di Giulio. Un ragazzo speciale, intelligente, con la sindrome di Down. È un ragazzo che, come il fratello, anela alla libertà. Si sente capace e pronto ad affrontare quelle piccole cose - come ad esempio prendere l’autobus per tornare a casa - che chiunque fa da solo. Sa che suo fratello gli vuole bene e per lui Giulio è tutto in suo mondo. Questo, però, non gli impedisce di conquistare la propria indipendenza. Averlo accanto come un’ombra, lo fa sentire incapace. Inoltre, con la sua spiccata sensibilità, intuisce che il fratello non è felice: ha una tristezza interiore che non si sa spiegare.
Anna ha solo ventiquattro anni, vive nel suo mondo incantato, fatto di romanzi e film romantici. Lei crede nell’amore. I suoi genitori l’hanno tanto desiderata ed è arrivata quando loro avevano quarant’anni. Non le è mai mancato il loro affetto e proprio per questo esempio di devozione e amore con cui è vissuta, cerca l’uomo giusto. È timida, ingenua, riservata, pudica, veste con gonne lunghe fino alle caviglie, non fa niente per mettersi in mostra, sempre con i capelli legati in una coda di cavallo e gli occhiali. Ha dovuto lasciare gli studi universitari e ha bisogno di un lavoro, per contribuire alle spese in famiglia. Arrossisce facilmente e le sudano le mani, è una frana con i sentimenti, ma è pronta a mettersi in gioco.
“Eppure tutte le pulsioni che una giovane donna
porta dentro di sé erano lì a maturare, crescere,
moltiplicarsi e rendere quei pensieri sempre più mesti e desolati (…)
 Leggere di amori lontani, di amori presenti,
di amori sofferti le sembrava l’unico modo per esorcizzare i
 timori che la consumavano, il solo che le desse la speranza che il tempo e
 l’uomo giusto un giorno sarebbero arrivati, nel più strambo dei modi,
un incontro inaspettato ma potente,
capace di me rimescolare le sue incertezze e
farne coriandoli da lanciare in allegria”.
Dafne è la migliore e unica amica di Anna. Sono tanto diverse tra loro. Dafne è disinibita, frizzante, solare, esuberante, con la sindrome da crocerossina, si tuffa  in nuovi amori senza considerare le conseguenze.  È una ragazza dall’innamoramento facile.
Le vite di questi  personaggi, si intersecano tra loro.
Dafne e Giulio si incontrano per caso e si concedono le gioie del sesso, fine a se stesso. Lui mette subito in chiaro che non ha intenzione di legarsi a nessuno e a Dafne va bene così… almeno per il momento.
Quando scopre che Giulio cerca una contabile, pensa subito ad Anna e così la ragazza inizia a lavorare all’officina. I due si guardano, si studiano, si avvicinano e si allontanano. La situazione ambigua tra il suo capo e la sua migliore amica, mettono Anna in soggezione.
“Qualcosa la frenava e non capiva se si trattava del fatto che lui era il suo capo,
del fatto che era andato a letto con la sua amica,
del fatto che bastava la sua sola presenza a metterla
 in un terribile quanto imprevisto disagio”.
In realtà, Anna è molto cauta. Con l’aspetto sdrucito di Giulio, l’espressione beffarda ma anche triste e rassegnata, è entrato nel suo cuore. Ma sa anche che Giulio vuole cose diverse da lei. Per lei sono importanti l’amore e la famiglia, per lui bastano il sesso e la libertà. Quindi quell’attrazione deve essere smorzata sul nascere.
Dafne, continua a raccontarle particolari sulla sua non-relazione con Giulio, e questo mette Anna in seria difficoltà.
Per Giulio, occuparsi di Tommaso e dell’officina sono le sue priorità. Lui e tutto il resto, non contano più, ma si concede qualche scappatella  per non esplodere come una bomba.

Oltre alla storia un po’ tormentata, fatta di paure e incertezze, dubbi e incomprensioni, c’è Tommaso. Lui è un moderno cupido, tenero e astuto, che fa di tutto per avvicinare Giulio ad Anna. Per Giulio, il fatto che lei avesse conosciuto Tommaso prima di sapere che era suo fratello, e lo avesse accettato con rispetto e attenzione, senza alcuna affettazione, lo fa stare troppo bene.
In effetti, Anna e Tommaso sono due persone affini, pure di cuore, ingenue e sensibili, con la passione dei libri in comune e la delicatezza nell’anima.
L’autrice, in questo romanzo, ha creato dei personaggi comuni che raggiungono il nostro cuore con una facilità sorprendete. Durante la lettura, mi trovavo io stessa in officina, guardavo Anna mordere le penne mentre spulciava le fatture, ero con loro quando andavano al mare e anche in biblioteca con Tommaso che osserva la sua Carlotta da lontano. Ero lì, tre le righe, con loro.
Tommaso è un ragazzo sensibile e intelligente, capace di dialogare con chi ha i suoi stessi interessi. Non è più un bambino, magari ci mette un po’ di più, rispetto ad altri, ma è capace di fare moltissime cose. Ha un suo carattere, una sua volontà.  Cerca il suo posto nel mondo come tutti noi. Per Giulio, invece, è difficile accettare la sua crescita. Lo vede sempre come un bambino fragile, esposto, in balia di una vita che non perdona le diversità. Pensa di doverlo difendere e proteggere sempre.
Anna sembra capirlo perfettamente e tra loro c’è un ottimo dialogo, tanto che Giulio si sente quasi escluso dalla loro complicità. Non capisce come riesca, Anna, a parlare così tanto con Tommaso. Lei, che arrossisce per nulla, con Tommaso si sente a suo agio.
La storia d’amore tra Anna e Giulio, a tratti sembra non decollare. Sapere che si vede con la sua amica solo per i piaceri della carne, le fa capire che non è l’uomo giusto per lei. Conoscendolo, però, capisce che dentro di lui c’è racchiuso un mondo sconosciuto. Capisce che Giulio non è solo bello, ma anche fragile, umano.
Giulio, rifugia i suoi pensieri più intimi in un taccuino, scrive poesie per sentirsi libero come la vita non gli permette di essere, per ritrovare se stesso.
A discapito di tutto, i loro sguardi si cercano, le mani si sfiorano un po’ per gioco un po’ per errore.
Una volta finito di leggere questo romanzo, il mio cuore era in subbuglio. Mi sono sentita prosciugata da ogni emozione. Emozione pura. Intensa. Mi sono sentita fragile e vulnerabile.
L’autrice ha parlato di Tommaso con semplice umanità, lontana dagli stereotipi, dalla compassione che spesso leggiamo.  Ha parlato dell’Amore con la A maiuscola. L’amore di un fratello, di un genitore, di una donna, di un uomo. L’amore degli esseri umani che riesce a compiere grandi miracoli, che aggiusta la vita e ci fa sentire liberi solo con la persona amata al nostro fianco. Perché l’amore è libertà, non prigione.
Grazie Patrisha.
Questo è un altro romanzo indimenticabile, da inserire nella mia top ten.
E voi, lettori, che cosa fate? Non avete voglia di leggerlo? Non volete emozionarvi e conoscere Anna, Tommaso e Giulio?
Scrivetemi le vostre opinioni, dopo averlo letto. Grazie a tutti.




Momi Gatto: Solo una storia d'amore e di troppe paturnie #3


Autore: Momi Gatto
Titolo: Solo una storia d’amore e di troppe paturnie #3
Editore: Self publishing
Genere: Romanzo contemporaneo
Data di pubblicazione: 30 novembre 2017
Pagine: 424

SINOSSI
Il terzo e conclusivo capitolo della "Trilogia delle paturnie".Illudersi non va mai bene, ma sperare che i sogni si avverino non è sbagliato. Certo, per poterlo fare in santa pace bisognerebbe che le cose andassero come vuole il mio irresistibile pallanuotista, ma, anche se gli brucia un casino, non può sempre decidere lui come gestire la sua vita. Lo farà più avanti, perché, anche se lo dimentica spesso, è solo un ragazzo… Un ragazzo che è sconsigliabile "irritare" con meschini maneggi, soprattutto se coinvolgono drammaticamente la sottoscritta… Un ragazzo per cui verserò fiumi di lacrime ma che inseguirei in capo al mondo… Un ragazzo che quando ingrana la marcia e preme sull'acceleratore, non accetta un no come risposta.


Davide e Giulia, vi dicono qualcosa?
Grosso modo non è cambiato niente: lei è sempre più sommersa da mille paturnie e lui è il fidanzato perfetto. Hanno 20 anni lei e 22 lui. Sono giovani e tanto innamorati.
Come ogni storia che si rispetti, le cose non possono andare sempre lisce e l’amore non sempre basta.
Davide deve partire per New York e iniziare a lavorare come avvocato in uno degli studi di famiglia. Giulia, invece, deve ancora laurearsi e non può seguirlo oltre oceano.
Per quanto lei si sforzi di mostrarsi matura e pronta al distacco, non ce la fa proprio a vivere serena. Davide, invece, è sempre più paziente e rassicurante.
Cosa deve fare, questo povero ragazzo, per farle capire che oltre a lei non amerà nessun’altra?
No, non le è chiaro.
Iniziano le incomprensioni, si prendono e si lasciano, come se lasciarsi risolvesse i loro problemi. Iniziano estenuanti viaggi tra Italia e New York. Lui la va a trovare ogni volta che può, e anche lei lo raggiunge.
Si amano, si fanno del male, soffrono… Ma non dipende tutto da loro, anche altri vogliono creare scompiglio nella coppia.
Riusciranno a mettere da parte le incomprensioni, LE PATURNIE, e ritornare ad amarsi?

La scrittura è scorrevole, ma Giulia è davvero pesante, insicura, infantile. Si caccia nei guai, nasconde le emozioni e poi soffre (inutilmente), perché se avesse parlato, si sarebbe evitata un bel po’ di dolore.
Davide, per fortuna, è incredibile. Dolce, romantico, passionale, vigoroso, innamorato. Tanto razionale, quanto impulsivo. Ed è paziente. Infinitamente paziente.
I suoi sforzi non sono apprezzati. I suoi meriti non sono riconosciuti. Ogni parola, ogni gesto, diventa nulla di fronte alle paturnie di Giulia.
Davide è meraviglioso. Vale ogni parola scritta su di lui.
Ancora, dopo aver finito di leggere il capitolo conclusivo della serie, non sono sicura che Giulia abbia capito che gran fortuna abbia avuto nell’incontrarlo.
Si vede che l’autrice ama profondamente questi due ragazzi. Ne parla con intensità e non smetterebbe mai di farlo. A volte, è difficile lasciar andare i nostri protagonisti, ma è necessario.
A chi scrive, la vita offre l’occasione di crescere, creare e inventare nuovi amori.
Buona vita a Giulia e Davide: avanti i prossimi.

Chissà quali sorprese ci riserverà l'autrice...

Alessandra Cigalino: Un amore in alto mare (SPY series #4)




Autore: Alessandra Cigalino
Titolo: Un amore in alto mare
Serie: S.P.Y. Series #4
Editore: Self publishing
Genere: Romanzo contemporaneo
Data di pubblicazione: 9 gennaio 2018
Pagine: 217

SINOSSI
***ROMANZO AUTOCONCLUSIVO***

"Il cuore doveva restare sempre in assoluto silenzio"

Il suo nome non è Caroline. Ma lei, giovane agente dell’F.B.I., è abituata a vivere da infiltrata, cambiando il proprio nome e il colore dei capelli con facilità estrema. Agisce in missioni di alto rischio, ma quella in cui è stata chiamata da ormai due mesi, su quella nave da crociera, ha codice rosso. 

Matt è finalmente rientrato operativo alla S.P.Y., dopo settimane di riposo forzato. Nella sua prima missione da infiltrato, però, deve fare i conti con il suo passato, cercando di restare sempre impassibile e integerrimo, come un vero agente speciale sa fare. Ma mantenere i nervi saldi, di fronte a colei che può scatenare uno tsunami nel suo cuore, sarà una dura lotta.

In questo quarto episodio della serie S.P.Y., due organizzazioni segrete lavoreranno in parallelo per catturare i boss della mafia, latitanti da tempo. Ma Caroline e Matt riusciranno a unire le proprie forze per portare a termine la missione? E soprattutto saranno in grado di oltrepassare i pregiudizi, le incomprensioni e quelle maschere che impediscono al cuore di mostrarsi in tutto il suo splendore?

Dopo "Gli occhi del tuo cuore", "Un amore contro il tempo" e “Un cuore fantasma”, tornano le avventure degli agenti della S.P.Y. in un nuovo capitolo in cui amore e suspense vi terranno incollati allo schermo del reader.

(OGNI ROMANZO DELLA SERIE E' AUTOCONCLUSIVO)

C’è tanta tenerezza in questa storia.
Caroline/Cassandra è un’infiltrata dell’FBI, in una nave da crociera. Il boss Connor Brook, le ha messo gli occhi addosso e lei approfitta di questa “vulnerabilità” per catturarlo, ma anche i piani migliori possono fallire.
Matt è un infiltrato della SPY.
Quando la vede, a bordo della nave, la riconosce immediatamente. Un anno prima si erano incontrati in una precedente missione, poi si erano persi di vista.
“Caroline, un anno prima, si chiamava Sophie.
E qualsiasi fosse stato il suo vero nome,
qualsiasi fosse stato il suo vero colore di capelli,
era davvero una ragazza che lasciava il segno,
grazie alla sua presenza,
al suo portamento, al suo carattere,
al suo essere sempre solare e soprattutto,
grazie al fascino che era racchiuso in ogni centimetro della sua pelle”.
Nonostante questo, Matt non si fida di lei, la considera molto brava a fingere. Se lo faceva bene nelle missioni , poteva farlo anche nella vita.
Caroline è disillusa dalla vita, la considera una farse nella quale ogni essere umano deve recitare nel migliore dei modi. E lei era brava a indossare la maschera della finzione, anche se di fronte a Matt, vacillava.
“Lui era come il miele per le api.
Lui era il miele per lei.
Ogni volta in cui lo vedeva doveva stargli lontana il più possibile,
altrimenti il desiderio di incollarsi a lui,
di tuffarsi nelle sue braccia, diventava incontrollabile”.
Lei, come tutti gli agenti segreti, è abituata a privarsi dei sentimenti e delle emozioni. In missione, bisogna essere freddi e spietati.
Per Caroline e Matt, è difficile lavorare insieme, ognuno con il suo pesante passato alle spalle, non è pronto ad  aprire il proprio cuore e fidarsi di qualcuno.
Ma prima o poi arriva la resa dei conti e non si può restare indifferenti di fronte ai sentimenti.

Questa storia mi ha appassionato con la sua delicatezza. Le avventure degli agenti della SPY, sono piene di azione e intrigo, ma sempre, più di ogni altra cosa, emerge il lato umano dei protagonisti. Persone forti, che nascondono grandi debolezze.
Eroi invincibili, che devono arrendersi di fronte all’amore.
Per quanto diverso, come tema e ambientazione, ogni episodio è colmo di tenero amore, dolce passione e intense emozioni.
Lieve e delicato, entra nel cuore del lettore.
Personalmente, ho una lieve predilezione per la storia di Ghost, (tra l’altro, presente anche qui), ma anche Caroline/Cassandra e Matt, hanno fatto breccia. Matt, soprattutto, nasconde il suo passato fino alla fine, mentre il punto debole di Caroline, viene svelato prima.
Insomma, tra misteri, azione e tenero amore, non vi rimane che leggere le loro avventure.
Consigliato.



giovedì 8 febbraio 2018

Monica Brizzi: Amore, libri e piccole follie

Nuova veste per il romanzo "Il mio supereroe"

Titolo: Amore, libri e piccole follie 
Autore: Monica Brizzi
Genere: romance ironico
Editore: selfpublishing 
Uscita: 5 febbraio
Prezzo: € 1.99 (prezzo lancio € 0.99)
Formato: ebook (prossimamente anche in cartaceo)
Pagine: 146
Link d'acquisto Amazon: https://goo.gl/r9dnRB
Link d'acquisto Kobo: https://goo.gl/JCzpXp

Sinossi:
Che succede se nella vita di un'eccentrica ventisettenne che lavora a maglia e legge autori russi entra un nerd appassionato di Harry PotterStar Wars e Il Trono di spade?
Angelica lavora in una libreria da otto anni, è single da tre e si veste come un albero di Natale. Sebbene gli amici cerchino di farle conoscere qualche ragazzo, lei sembra non trovare nessuno che le interessi davvero. Tutto cambia durante una festa, quando, caduta in una siepe, attaccata dai tafani e tormentata dall'ortica, viene aiutata da Manuele, un nerd tutt'altro che capace di corteggiare una donna. Lui, ingegnere che lavora come commesso in un negozio di elettronica, ci mette un po' a partire, ma quando lo fa tra i due nasce una piccola magia e Angelica entra in un mondo fatto di scacchi, film e telefilm che le fa dimenticare di avere una famiglia strampalata. Tutto fila liscio per un po', ma in una fredda serata invernale Angelica vede qualcosa che non dovrebbe vedere e la magia tra lei e Manuele sembra dissolversi nella nebbia della città…
Estrosa e stramba lei, nerd e timido lui. Due mondi all’apparenza diversi che si fondono alla perfezione. O no?

(Seconda pubblicazione. Il romanzo era stato precedentemente pubblicato da Delos Digital con il titolo Il mio supereroe.)
Angelica è una ragazza fuori dalla norma, eccentrica, logorroica, fissata con il suo grosso sedere e molto delusa dagli uomini. Dopo il matrimonio fallito dei genitori e un tradimento, ha poca fiducia nelle persone. La sua collega Rossella, l’amica Maura e, stranamente, Manuele sono le uniche persone che riescono a seguire i suoi discorsi strampalati.
Manuele è un ragazzo con la passione per i fantasy, è un nerd con gli occhiali e sente addosso l’inadeguatezza di non essere la persona giusta per Angelica.
Questo romanzo è uno spasso. L’ho letto in poco tempo perché non riuscivo a staccarmi dal mio lettore digitale. I dialoghi sono magnifici, fantasiosi, ironici, dinamici.
Le situazioni, gli stati d’animo e i sentimenti sono ben descritti.
Questo romanzo è ideale per chi vuole prendersi una pausa dalla stanchezza, dalla noia, dalla routine; trasmette allegria, vitalità, bizzarrie.
È una boccata d’aria fresca in una giornata afosa.
Non manca nulla, non cambierei niente. È perfetto così.
Complimenti all’autrice.

L'autrice:
Monica Brizzi scrive da quando è poco più che una ragazzina. Ama leggere un po’ di tutto, dai grandi classici alla fantascienza. Quando scrive, però, finisce sempre per raccontare storie d’amore. Oltre a Amore, libri e piccole follie è autrice di Ogni singola cosaInnamorarsi ai tempi della crisi e racconti di vario genere. Gestisce un blog in cui parla di tutto e niente, anche se i temi conduttori sono i libri e la scrittura.
Seguila su


Promozione Butterfly dal 9 al 15 febbraio 2018


Dal 9 al 15 febbraio tantissimi titoli della Butterfly Edizioni in offerta 
su Amazon a 0,99 €! 
Oltre 20 titoli romantici a un piccolissimo prezzo per un tempo limitato! 
Festeggia il mese dell'amore con i libri che più ti fanno battere il cuore!

Massimiliano Bellezza: Destino crudele (storia di un giovane)


Autore: Massimiliano Bellezza
Titolo: Destino crudele: storia di un giovane
Editore: Self publishing
Genere: Narrativa
Data di pubblicazione: 10 maggio 2015
Pagine: 348

SINOSSI
Los Angeles.
Il giovane Max ha compiuto da poco i suoi diciotto anni. Cresciuto in un ambiente familiare in cui la figura del padre era assente, è speso scontroso e respinge chi dimostra di tenere a lui. Adesso dovrà fare i conti con un dramma che si ripete, con la cecità della vita che talvolta, arida, dilania l’esistenza.




Max è un diciottenne che ha dovuto subire la separazione dei genitori, dovuta a un padre completamente assente, che ha tradito la moglie e si è rifatto una famiglia. I due non hanno mai avuto un rapporto e un dialogo.
Max ha visto sua madre soffrire, l’ha sentita piangere, diventare sempre più silenziosa e persa nel suo dolore.
Iniziato il collage, lontano da casa, le difficoltà a farsi nuovi amici non sono mancate. Lì, però, conosce Amanda e nonostante lui abbia un carattere difficile, irascibile, testardo, stanno insieme.
“Come si fa a stare con uno così,
a volte me lo domandavo e me lo domando tuttora.
Per quanto una persona ti ami è difficile resistere,
trovare la forza necessaria.
Sono troppi gli alti e bassi, per chiunque.
Amanda è grande anche per questo:
lei non demorde,
è sempre speranzosa, fiduciosa.
Davvero una tenacia senza fine”.

Trascorre molto tempo con la fidanzata e con i suoi due amici: Bryan e Martha. Il gruppo è solito incontrarsi e trascorrere il tempo insieme, magari sniffando coca.

“Mi faccio di coca per non pensare;
continuo a usare quella roba per non scalfire la mia immagine di persona risoluta, sicura di sé, vigorosa, invece che diavolo sono diventato? Non lo so, l’ho dimenticato o, forse, non l’ho mai veramente saputo”.

Il suo carattere, le sue risposte, i comportamenti a volte esagerati, creano incomprensioni nel gruppo di amici e perfino Amanda ha difficoltà a capirlo. Per questo, lui decide che è il momento di cambiare…
Inizia a capire che anche un legame indissolubile si può rompere.
Poi inizia il suo calvario…
La storia di Max è molto toccante. Raccontata con sensibilità. Insegna il valore della vita, il privilegio di emozionarsi, la gioia di ogni attimo.
Ho amato particolarmente il finale e proprio per questo, avrei voluto dare anche uno spazio più importante ad Amanda.
Il romanzo, però, è incentrato su Max. La sua vita, gli errori, il bisogno di famiglia, l’importanza dell’amicizia, il dolore.
La vita non è stata generosa con Max, anzi, lo ha sempre messo alla prova.
Nel romanzo, si vive il percorso di Max, sia dalla parte del cuore (i suoi sentimenti) sia della mente (la psicologia). Quando il destino è già scritto, la vita ci sfugge di mano e diventiamo impotenti. Forse è troppo tardi per agire, forse non ne abbiamo più il tempo. Per quanto possa apparire fragile e strafottente, Max trova una grande forza per affrontare la sua malattia.
Accanto a lui, che ha sempre allontanato tutti, ritrova gli amici, la fidanzata, la famiglia.
A tratti crudo, di certo drammatico, la storia ci cattura, introducendoci nella vita di questo ragazzo che lotta con tutta la forza che possiede.
La scrittura è limpida, pulita, semplice e intrigate.
Una bella e triste storia, difficile da dimenticare.